CORSI

Disabilità intellettiva e disturbi specifici dell’apprendimento. Quali analogie e quali differenze

il 19-10-2013 presso Fondazione San Raffaele di Ceglie Messapica

Convegno sulla Disabilità Intellettiva (DI) e i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, considerate problematiche di frequente riscontro nell’età evolutiva. Pur avendo specifiche definizioni, a volte, possono presentarsi quadri clinici in cui può essere difficoltosa la diagnosi, per la potenziale sovrapposizione di alcuni aspetti clinici.

Oggetto del Convegno sarannno l’analisi e la diagnosi di DI e di DSA, i relativi percorsi terpautici-riabilitativi ed i rapporti tra le 2 condizioni.

La disabilità intellettiva si caratterizza per limitazioni significative, sia nel funzionamento intellettivo che nel comportamento adattivo, che si manifestano nelle abilità adattive concettuali, sociali e pratiche e che insorge prima dei 18 anni.

Questa definizione comprende quindi tre elementi essenziali

a) significative limitazioni nel funzionamento intellettivo,

b) significative limitazioni nel comportamento adattivo (concomitanti e correlate)

c) manifestazione durante il periodo dello sviluppo

Le persone con disabilità intellettive possono perciò essere capaci di vivere una vita soddisfacente e serena se adeguatamente supportate e sostenute lungo il corso della vita

Tra i disturbi specifici dell’apprendimento quello più noto è sicuramente la dislessia, che si manifesta con la difficoltà di automatizzazione delle procedure di transcodifica dei segni scritti in corrispondenti fonologici.